Strumentisti di Parole/Musicians of words

Senza categoria

Annunci

Shakespeare e il tempo dei fiori


Rotating Letters, Flapping Noise

Canadian Art Junkie

.

Signal to Noise is a fascinating installation for Luminato 2012, an arts festival that begins in Toronto on June 8.  This work transforms random letters into legible words with a satisfying flapping sound emitted by its moving parts.

Created by the Belgian artists LAb[au], it’s made of discarded technology and salvaged components from the information displays that predated LED monitors in public spaces like airports and train stations. The flaps rotate randomly until the system identifies a word.  (I’ve watched this video a number of times now. It’s kind of hypnotic.)

UPDATE: JUNE 10 I have just come back from the Toronto airport, where this work is installed. The noise is actually much softer than on the video, and anngrafics is right. It does indeed sound most like rain – or perhaps the sound of distant typing by a great many people, in a far away typing pool. You…

View original post 31 altre parole


Espressioni creative con le parole

Borsalibro

Continuando a scrivere parole, vorrei ricordare Ferdinand De Saussure che nella raccolta delle sue lezioni tenute a Ginevra tra il 1906 e il 1909, pubblicata postuma e intitolata Corso di linguistica generale, distingue nettamente tra “lingua” e “parola”: dove lingua rappresenta il momento sociale del linguaggio ed è costituita dal codice di strutture e regole che ciascun individuo assimila dalla comunità di cui fa parte, senza poterle inventare o modificare e dove parola è invece il momento individuale, cangiante e creativo del linguaggio,

View original post 77 altre parole


samuel beckett – quadrat I + II

filmcritica rivista

Questa danza degli spettri, in due versioni (a colori e in bianco e nero) è stata diretta da Samuel Beckett nel 1981 per la televisione tedesca. Come vedete, c’è una zona proibita al centro del quadrato, zona impercorribile, che i danzatori debbono assolutamente evitare…

a.c.

View original post


CANNES 2012: “COSMOPOLIS” di David Cronenberg

filmcritica rivista

Cosmopolis Eccoci al David Cronenberg più sperimentale, in cui l’estrema verbalità scompare mentre dice se stessa e il film la ridice parallelo altrove, dove non c’è zona cui aggrapparsi e l’aria stessa è l’anomalia, mentre il potlach finanziario lascia il rilancio delle cifre a metà, rimpallandoci il mondo insonorizzato dentro e l’insurrezione fuori, campo controcampo, taglio, dialogo, richiesta d’aiuto. Il tempo si comprime, esiste solo uno spazio in fuoriuscita (Sant’Agostino, Rothko…), non c’è orologio che tenga, l’eternità naufraga nell’impazienza di un futuro sempre più insistente. Capolavoro presente assoluto.

View original post


Bill Viola

Zibaldone

A Villa Panza (Varese) un omaggio a uno dei più noti esponenti della video arte: Bill Viola.
Eccone un assaggio. Per maggiori informazioni visita la homepage di Villa e Collezione Panza

View original post


Prodigiosa Rotazione

l'unico Blog ufficiale di Gabriele La Porta

Sovente i boschi sono rosa –
Sovente sono bruni.
Sovente le colline si spogliano
Dietro il mio paese natio.
Spesso è coronata una testa
Che ero solita visitare –
E altrettanto spesso un recesso
Dove usava stare –
E la Terra – mi dicono –
Sul suo asse ha girato!
Prodigiosa Rotazione!
Da appena dodici compiuta!

Emily Dickinson

View original post


poesia persiana contemporanea: Forugh Farrokhzad

Antonio Blunda

Forugh Farrokhzad è considerata in Iran la maggiore poetessa del XX secolo. Il suo sepolcro è meta di pellegrinaggi e le sue liriche hanno ispirato artisti celebrati in patria e all’estero, come Abbas Kiarostami, nel suo film Il vento ci porterà via, e Bertolucci, che ha girato un documentario sulla sua vita. Anche oggi il suo ricordo è più che mai vivo e presente, in quanto eletta a icona dalle donne che manifestano nelle piazze di Teheran contro il regime e riconoscono in lei un’ideale portavoce. Impossibile, dunque, non ripercorrere una volta ancora, a più di quarant’anni dalla sua tragica fine, la storia di questa coraggiosa donna, poetessa ed eclettica artista di cui Aliberti ha da poco pubblicato un’antologia curata da Fezeh Mardani dal titolo È solo la voce che resta.

Nata a Teheran nel 1935, in un periodo di grandi trasformazioni sociali, terza di sette figli, Forugh studia…

View original post 886 altre parole


Woman at the gates of dawn (Donna ai cancelli dell’alba)

Immagine

Donna e progetto

lussuria in-forma

armonia di fonemi.

Binomio ed artificio

in pensiero quadrilatero.

viscerale avventura

ai cancelli dell’alba,

gioco artistico

fluente foglio,

in pergamene di percezione.

Di piacere intriso d’arte

contamino dita

a fonte comunitaria

crogiuolo d’infinite

idee

e tessera, tessera

di Coevico Collage

Woman and design

lust-in form

harmony of phonemes.

Binomial and artifice

quadrilateral in thought.

visceral adventure

at the gates of dawn,

game art

fluent sheet,

in the scrolls of perception.

Steeped in art and leisure

contaminate fingers

Community-source

crucible of endless

ideas

and card, passport to

Coevic Collage

Fiorella Corbi talks in lyrics about Coevist Woman Manifesto by TheCoevas